23 Luglio 2020 Nessun Commento How To

Come lavare il copridivano: smacchiatura e asciugatura

Lavare copridivano

Il principe del salotto, uno dei protagonisti dell’arredamento, utilizzato in ogni momento della giornata. Il luogo ideale per rilassarsi, recuperare le energie fisiche e mentali, accogliere gli ospiti. Stiamo parlando del divano e di come sia necessario prendersi cura di questo indispensabile elemento dell’arredo casa.
Si ricorre all’utilizzo di un pratico copridivano per proteggere il divano sottostante dalle insidie del tempo, ma anche dal rischio di macchie, graffi e incursioni di bambini e animali domestici. Carillo Home propone copridivani di varie dimensioni e tipologie, disponibili in differenti tessuti e colori, capaci di adattarsi allo stile della casa, ma anche molto semplici da pulire. Già, perché risulta fondamentale lavare e asciugare il copridivano correttamente per garantirne una maggiore durata nel tempo.

Smacchiare copridivano

Come smacchiare un copridivano

Prima di accingersi a pulire un copridivano bisogna capire il tipo di tessuto di cui è composto. Spesso si ha bisogno di pulire rapidamente il copridivano e di procedere al lavaggio delle fodere del divano. Per intervenire subito ed evitare la formazione delle macchie, il consiglio è quello di spazzolare in modo profondo il tessuto con l’aiuto di un’aspirapolvere che rimuove anche tutta la polvere e le briciole presenti sulla superficie del copridivano.
Preparate poi una bacinella d’acqua tiepida e versateci dentro mezzo bicchiere di ammoniaca e una manciata di sale fino. Mescolate a lungo fino a sciogliere completamente il sale. Bagnate una spugna con la soluzione preparata, poi strizzatela e strofinate la spugna sulla zona macchiata del copridivano, per poi lasciar asciugare completamente.
Nel caso di macchie persistenti o particolarmente estese, il metodo rapido non basta: a questo punto sarà opportuno sfilare il copridivano e lavare le fodere del divano. In base al tipo di macchia formatasi sul tessuto sceglieremo il programma di lavaggio più efficace. Qualche trucco? Se la macchia sul copridivano è una macchia di gelato il tessuto va riposto in lavatrice con un programma di lavaggio per camicie, a circa 40 gradi, con una centrifuga impostata prima a rotazione lenta e successivamente energica a circa 600 giri.

 

divano bianco

Come lavare un copridivano bianco

Come si procede quando si tratta di un copridivano bianco? In questo caso bisogna fare molta attenzione perché può rimanere un alone grigiastro.
Nel caso di un copridivano in tessuto la prima cosa da fare è leggere l’etichetta che si trova nella fodera e seguire le istruzioni specifiche che ci suggeriscono se possiamo applicare il detersivo direttamente sul copridivano, se ne è vietato il candeggio, se è consigliabile lavarlo a mano oppure farlo pulire a secco. Una volta sfilato il copridivano teniamolo da un lato e scuotiamolo delicatamente delicatamente per 2-3 volte, così da eliminare la polvere e le sporcizie.
A questo punto passiamo alla fase di pre-lavaggio, una fase che ci consente di rimuovere ulteriormente la polvere: mettiamo il copridivano in una vasca o in una bacinella capiente e passiamoci sopra un pezzo di sapone di Marsiglia o uno smacchiatore idoneo. Procediamo a strofinare delicatamente, risciacquiamo velocemente e lasciamo in ammollo con un po’ di detersivo delicato.
L’utilizzo della candeggina è sconsigliato: va usata solo come ultima spiaggia, se l’etichetta lo consente, avendo cura di risciacquare poi con la massima attenzione. L’alternativa più naturale è il bicarbonato, da mettere sulla superficie macchiata e aspirare in un secondo momento.
Dopo l’ammollo possiamo procedere con il lavaggio del copridivano bianco, a mano o in lavatrice secondo le indicazioni del tuo modello. In genere, è preferibile optare per un lavaggio delicato, senza centrifuga e strizzature, a una temperatura di 30 gradi, al massimo 40.
Anche per il copridivano in pelle è importante rivolgere l’attenzione prima di tutto all’etichetta con le relative istruzioni, anche per orientarsi al meglio tra i diversi tipi di pelle. Generalmente, per pulire un copridivano in pelle basta utilizzare un panno morbido e bianco asciutto. Nel caso di macchie persistenti, detergi con acqua tiepida e sapone neutro e incolore, avendo cura di non strofinare troppo e di passare velocemente il panno ben strizzato. Se il copridivano necessita di una pulizia profonda, potrebbe essere opportuno utilizzare un mix di latte e acqua o un prodotto specifico recuperabile in commercio.

copridivano flowers

Frequenza del lavaggio di un copridivano

In ogni caso è sempre necessario effettuare dei test preventivi: ogni volta che decidiamo di provare una metodologia di lavaggio o un nuovo prodotto testiamolo prima in un angolo del nostro copridivano per evitare di rovinarlo.
Trattandosi di un elemento della casa molto vissuto il copridivano andrebbe lavato almeno una volta al mese: è sempre preferibile acquistarne uno di riserva in modo da non lasciare il divano scoperto durante l’asciugatura. Un’altra raccomandazione riguarda proprio quest’ultima fase del lavaggio: il copridivano deve essere rimesso al suo posto solo una volta che è completamente asciutto per evitare che l’umidità penetri all’interno del divano rovinando irrimediabilmente il tessuto.
La scelta del copridivano dipende in primo luogo dal gusto personale, ma anche dai colori prevalenti nel nostro arredo: possiamo sceglierlo nelle tonalità tenue per un’atmosfera delicata e accogliente o in quelle accese per donare all’ambiente una nota di colore.